Hai bisogno di aiuto? Contattaci al 0832.391633
icona telefono 0832.391633

Vendita promozionale materassi

separatore

Parte la vendita promozionale per i mesi di Ottobre e Novembre su tutti i materassi e reti, in negozio e da ordinare. Pirelli, Simmons, Sealy, Cignus di Notte, Morfeus, Mecflex e tante altre le aziende in promo.

Richiedi un preventivo personalizzato collegandoti al nostro sito www.espositoarredamenti.it

La cucina

separatore

Cosa si fa in cucina? o per meglio dire, cosa non si fa? Ai giorni nostri, il ruolo della cucina va ben oltre la tradizionale e centrale funzione di spazio adibito alla conservazione, alla preparazione e alla cottura dei cibi. In molte abitazioni, è il locale in cui svolgiamo buona parte delle nostre attività quotidiane e può fungere da sala pranzo, zona attrezzata per il lavoro, stanza dei giochi, luogo in cui intrattenere gli ospiti e conversare, diventando, così, il centro nevralgico della casa. Se dovessimo descrivere le attività quotidiane normalmente svolte in una cucina di oggi, ne potremmo elencare numerose: prepararsi a una giornata di lavoro di scuola, pagare le bollette, compilare la lista della spesa e svolgere altri lavori di routine come lavare, asciugare e stirare il bucato, guardare la televisione o ascoltare musica, fare telefonate e annotare messaggi, chiacchierare con gli amici, accudire i bambini mentre giocano o fanno i compiti sul tavolo, rilassarsi a fine giornata con un drink o leggendo il giornale. Tutto ciò va ad aggiungersi alla preparazione e, in molti casi, anche al consumo dei pasti. L’ idea della cucina come zona giorno a tutti gli effetti è relativamente nuova. Oggi, l’ idea di multi-funzionalità rientra ampiamente nelle attese del pubblico.

Il tavolo e la sedia

separatore

Quando si tratta di sedie, elementi d’arredo più diffusi e comuni, si incorre spesso nell’errore di ritenere che la scelta all’acqusto possa essere semplice e immediata, mentre il più delle volte è vero l’esatto contrario: reali rompicapo anche per i progettisti più esperti, le sedute rappresentano sistemi complessi fondati sui delicati equilibri funzionali alla fisiologia umana, e bastano piccoli errori di valutazione in fase di studio per farne oggetti di tortura contemporanei. Sedersi è un’ operazione dinamica, che si compie distribuendo due terzi del peso corporeo su un’area più amplia possibile, sorretti da una piccola parte della superficie anatomica. Per soddisfere l’esigenza di ergonomia, e allo stesso tempo dare risposte concrete alle emergenti necessità d’ ingombri ridotti, la ricerca progettuale sperimenta prototipi e lancia sul mercato prodotti efficentissimi e belli da vedere, caratterizzati da piani d’appoggio numerosi e diversificati: sedili fortemente sagomati, confortevoli braccioli, schienali inclinati e poggiatesta orientabili sono tutti elementi strutturali che concorrono all’ottimale distribuzione del peso corporeo su una superficie estesa ma non eccessiva.

Il tavolo console

separatore

 

 

Nato come mobile d’appoggio, il tavolo “console” è ancora di grande attualità, soprattutto nelle versioni di ultima generazione che hanno smarrito il credo quasi esclusivamente ornamentale per acquisire, seppure nel rispetto della struttura preesistente, una connotazione più pratica e funzionale. La sua rielaborazione nel tempo ha dato così vita a un tavolo decisamente più vicino, per estetica e fruibilità, alle tendenze contemporanee, che del recente passato ha mantenuto unicamente gli ingombri minimi (chiuso, può arrivare a una profondità di soli 30 cm) e la linearità delle forme. Letteralmente corrispondente all’italiano mensola, il termine console viene oggi utilizzato per estensione, seppure impropriamente, con riferimento sia a tavoli di servizio, magari apribili a libro, sia a veri e propri tavoli da pranzo allungabili mediante prolunghe. Nei modelli tecnologicamente più avanzati, è sufficente una semplice rotazione della struttura di base per ottenere, senza sforzo alcuno, la conseguente apertura del piano; dalla meccanica meno progredita, i tavolinetti con top a ribalta: fissati a parete tramite squadrette pieghevoli a compasso, quando non in uso si possono agevolmente richiudere contro il muro. Rettangolari, ovali o semicircolari, per loro stressa conformazione (il lato d’appoggio è dritto e privo di decorazione) i tavoli-console sono pensati per vivere: accostati alla parete, diventando utili piani d’appoggio supplementari e aiutano ad arredare lo spazio di passaggio; addossati allo schienale di un divano a centro stanza, sottolineano la diversità tra le due parti del locale; sistemati sotto la finestra, diventano utili piani lavoro ben illuminati di luce naturale.

Il soggiorno: nuove tendenze

separatore

La casa nel terzo millennio apre verso stili di vita e di convivenza inediti, più elastici e meno focalizzati sulla famiglia tradizionale: la giungla metropolitana, fatta da single, coppie felici o scoppiate, nuclei allargati con ironia, afferma una nuova tendenza abitativa, il loftismo, che al grido di “abbasso la parete” prelude alla totale abolizzione della “compartizzazione” dell’ambiente domestico. In questa logica di volumi leggeri và collocata un’organizzazione drasticamente trasformata degli spazi dedicati alla convivialità, che vede le singole zone tutte fruibili, attrezzate e accessibili in ogni momento: con la scomparsa di tinelli e corridoi, cade anche l’obbligo di rispettare la rigida e tradizionale suddivisione degli ambienti (giorno,notte, servizi) e si afferma il concetto di “soggiorno esteso” che assimila sala da pranzo, salotto, studio e cucina (per fino il bagno, magari nobilitato e trasformato in “isola di benessere”) in un’unica entità. Senza divisioni tra privato e sociale, senza barriere. Sono questi i luoghi contemporanei del vivere quotidiano, locali armonicamente fusi in nuovi assetti più congeniali all’odierna ricerca di aree multifunzionali, che favoriscono l’incontro in piena libertà. Interni “in progress” pensati per rispondere ad una esigenza di semplicità, funzionalità, unitarietà, fatti di ambienti che si susseguono senza soluzione di continuità, che prediligono nuove geometrie e materiali inediti. Le porte diventano elementi flessibili, non più fissi: prevale l’idea di sistemi scorrevoli, di grandi superfici in vetro trasparente o colorato, a scomparsa, che permettono di godersi il più possibile gli spazi aperti della casa sapendo che, con un semplice gesto, si possono ripristinare comfort e intimità. Le stesse pareti interne, catalizando l’interesse e lo sviluppo di nuove tecnologie sensoriali o elettroniche (pareti sonore, luminose, termiche, magnetiche), superano la loro connotazione archetipica di elemento separatore e si arricchiscono di movimenti inaspettati e sorprendenti (scorrimento, rotazione, ribaltamento o altro). Tende-quinta, realizzate in materiali trasparenti e leggeri, consentono visibilità e mobilità. Più elementi funzionali che complementi decorativi, filtrano le diverse aree del living. Oggetti di arredo trasformisti, mutanti e mutevoli, rispondono a molteplici opportunità d’uso e presidiano gli spazi aperti con funzioni diverse e articolate: tavolinetti da salotto che in poche mosse si trasformano in tavoli da pranzo; librerie versatili che, all’occorrenza, fungono da scrivania o da scaletta. Intuizzioni poliedriche che coinvolgono anche il campo dell’illuminazione, con apparecchi cordless che si spostano con facilità e si possono utilizzare come centrotavola, come lampade da lettura o da comodino. Soprattutto imbottiti che, con allure quasi distratta, passano da pouf a poltrona, da divano a chaise-longue, a letto, a isola di lavoro.

Tecnologia in casa

separatore

La tecnologia, il grande mito di oggi, pervade ormai ogni ambito dell’esistenza ed entra naturalmente anche nelle case, a dispensare gli agi della modernità, a materializzare le visioni di una dimensione virtuale, a configurare una vita apparentemente perfetta. Gli ambienti domestici accolgono e sfruttano la tecnologia ma senza risultarne assoggettati: la casa non potrà forse mai essere una “macchina per abitare”. Pur nella proliferazione di strumenti e giocattoli digitali, infatti, l’epoca contemporanea ci ha consegnato una provvidenziale disillusione rispetto all’onnipotenza delle macchine. Se oggi non possiamo rinunciare alla rassicurante prevedibilità della loro opera, la nostra casa vive e si nutre costantemente dell’elemento imponderabile, fantastico, congeniale più che mai allo spirito metaforico del nostro tempo. Gli oggetti, per esempio, nella loro nuova leggerezza, sembrano talvolta collocarsi a metà tra materia e segno, i materiali mostrano il gioco di inedite trasparenze, e la luce, nell’utilizzo creativo che ne consente proprio la tecnologia, sperimenta il moto di colori che entrano l’uno nell’altro, disegna immateriali suggestioni fluttuanti, oniriche ombre.  E. M.

La Casa

separatore

Un rifugio, uno spazio appartato, al riparo dalle sollecitazioni a cui ogni giorno la vita ci sottopone. In una visione tradizionale la casa è soprattutto questo, un nido in cui ci ritroviamo con le nostre cose, un territorio sicuro dove ci muoviamo entro l’orizzonte delle consuetudini. Ma oggi non è più così. Nella realtà contemporanea, dinamica, multiforme e satura di stimoli, il ripiegamento, la quiete introspettiva non bastano. Per appagare la vivacità della nostra mente, alla casa chiediamo di accogliere anche lo spazio dell’evasione, un palcoscenico dell’immaginario dove si aprono altri paesaggi, dove sia possibile disegnare un altrove. Andre oltre i confini, dunque. Innanzitutto quelli rappresentati dall’architettura. Dove questo è possibile, per il favore del clima e dell’ambiente, gli spazi esterni vengono guadagnati alla vita domestica, e la natura diventa salotto. Poi vi sono i confini semantici, oltre i quali la casa si trasforma, per esempio, in una promenade artistica, e gli arredi sono chiamati a dialogare con le opere in un gioco di allusioni cromatiche e formali. La decorazione, infine, viene talvolta devoluta alla fantasia, spalancando scenari di un universo incantato.  E.M.

Vendita promozionale dal 12 Settembre al 03 Dicembre 2011.

separatore

Il negozio, nel periodo sopra indicato , offre l’opportunità di poter usufruire di una scontistica maggiore. Tutti i prodotti in esposozione verrano venduti con degli sconti che varieranno dal 30 al 50%. Come da sempre nel nostro negozio avrete il montaggio e la consegna inclusi nel prezzo.

Benvenuto!!

separatore

Benvenuto nel Nostro blog…ti terremo aggiornato sulle novità e sul mondo dell’arredamento